IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Un fossile straordinario

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Marco
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 279
Età : 29
Location : Casalecchio di Reno
Data d'iscrizione : 14.02.09

MessaggioTitolo: Un fossile straordinario   Ven Apr 16, 2010 10:19 pm

Vorrei parlarvi del fossile più bello del mondo, a mio parere: si tratta di una tanatocenosi ("associazione di morte", letteralmente) finora unica, un Protoceratops e un Velociraptor morti nello stesso tempo avvinghiati nel momento culminante della predazione.



Partiamo con una descrizione dell'ambiente della Mongolia del Cretaceo superiore, intorno agli 80 milioni di anni fa: la Tetide, il grande mare che separava le terre australi da quelle boreali era un oceano a tutti gli effetti che portava un clima temperato-tropicale alle coste che bagnava; come in molte zone intorno ai tropici, non a grande distanza dalla costa si trovavano deserti. A quel tempo la Mongolia non era certo lontana dal mare come lo è ora: qualche brezza marina portartice di pioggia arrivava (specie grazie ai bacini marini che si insinuavano periodicamente tra le terre), ma in ogni caso il clima era arido, le precipitazioni scarse e vi erano poche oasi permanenti in mezzo a una terra in maggior parte desertica come può esserlo oggi la savana africana a ridosso del deserto del Kalahari.

In questo ambiente, la catena alimentare era molto complessa, ma limitiamoci a parlare dei due ospiti d'eccellenza di questa sera della sezione di paleontologia di Naturalmente: il Protoceratops e il Velociraptor. Eccovi il primo:



Il Protoceratops era erbivoro, lungo non più di 2 metri e alto circa 1 negli esemplari maschi più grossi; erano animali gregari che vivevano in gruppetti non più grandi di 30 individui. Queste stime sulla loro ecologia sono state fatte basandosi sui ritrovamenti di nidi fossili, in genere trovati molto vicini e con un buon numero di uova per ciascuno. Quello del Protoceratops fu un genere molto fortunato perchè seppe adattarsi a moltissimi ambienti diversi, comparendo nel Cretaceo inferiore (110 m.a.f.) e perdendo i suoi ultimi rappresentanti ben 40 milioni di anni più tardi, a un tiro di schioppo geologico dall'estinzione di massa. Ecco qui Alberto Angela nel famoso documentario del 1993 che indica il toro sopraorbitario di un maschio, distinguibile dalle femmine per il dente alla base del becco:



Capostipite della famiglia dei Protoceratopsidi e antenato di tutti i giganteschi Ceratopsidi del Cretaceo superiore, non è facile trovare molti generi così ben adattabili:

- le dimensioni ridotte ma tarchiate lo rendevano una preda difficile da abbattere anche per predatori più grossi di lui, grazie anche ad un becco corneo adattato a spezzare le dure piante desertiche, figuriamoci le ossa di un predatore che si avvicinava troppo!!
- la grande "vela" cranica non era usata come uno scudo, al contrario di quanto si pensava fino a pochi decenni fa: era un'intelaiatura ossea non certo in grado di sostenere gli artigli di un predatore, ma grazie alla sua grande vascolarizzazione (controllata presumibilmente dagli ormoni sessuali) gli permetteva sia di disperdere il calore eccessivo in ambiente semi-desertico sia di colorarsi di rosso acceso, corteggiando le femmine e impressionando tanto i maschi rivali quanto i predatori
- zampe relativamente corte e ben piantate gli permettevano una grande resistenza durante gli spostamenti, scatti abbastanza veloci e una buona resistenza alle tempeste di sabbia sotto una certa soglia.



Il Velociraptor, al contrario, era un predatore: sottordine Teropodi (quasi tutti i predatori lo erano, per intenderci), anch'esso di dimensioni simili al Protoceratops ma di stazza ben più limitata, è rappresentato da due specie la cui famiglia (i Dromeosauridi) popolò il pianeta per circa 50 milioni di anni, fino all'estinzione finale. Insomma, per il Velociraptor mongoliensis dimenticatevi Jurassic Park! Predatore efficientissimo, grazie alle proporzioni fatte sugli arti e alla distanza tra alcune orme si è calcolato potesse superare i 50 km/h per tratti non troppo lunghi.



Il cranio è tipico del suo sottordine: lungo, stretto, affusolato e ricco di finestre per alleggerirne la struttura, conferendo ai muscoli del collo grande precisione sia per colpire nei punti giusti anche durante un inseguimento sia per andare in profondità nelle carni; denti ricurvi per strappare, non per masticare. Arti anteriori atti alla presa di piccole prede, arti posteriori invece ben più formidabili: dotati di 4 dita di cui uno addossato alla caviglia, il 2° è quello che possiede l'artiglio più lungo, retrattile e posto al fondo di una guaina epidermica per non usurarlo; la sua funzionalità era essenziale per la vita: era quella l'unica arma a lui disponibile per atterrare le prede, aprendo grandi ferite e talvolta attendendo l'indebolimento della preda più grande per dissanguamento, oppure abbattendola in pochi secondi con un'azione di gruppo coordinata.

Il coordinamento era una della attività che più gli riuscivano, essendo dotato di uno tra i cervelli più grandi tra tutti i dinosauri. Infatti è anche per questo che si presumono attività di gruppo.


L'avvenimento in questione però non riguarda una battuta di caccia in gruppo, ma un Velociraptor solitario. Eccovi finalmente il fossile, e non è un assemblato, è stato ritrovato così!!



Si può vedere il Protoceratops che schiaccia una gamba del Velociraptor, mentre l'unghione destro è conficcato nel suo ventre; allo stesso tempo, il predatore tiene per il collare la sua preda e gli pianta l'artiglio della zampa sinistra sotto il collo, mentre però è il Protoceratops ad avere saldo nel becco l'avambraccio del Velociraptor. Entrambi feriti mortalmente dall'altro, nei loro ultimi momenti di vita sono stati sommersi dal franamento della duna di sabbia ai piedi della quale erano finiti lottando.
Eccovi qua un disegno di parecchi anni fa: il Velociraptor non ha le piume qui, ma lo trovo un disegno davvero affascinante:

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Un fossile straordinario   Sab Apr 17, 2010 1:41 pm

GRANDE Marco!
Un rientro col botto!
Piccoli Alberti Angela crescono..... Clap
Aggiungerei solo, per chi non lo sapesse ancora, che Marco studia i fossili da quando era in fasce... What a Face
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Re: Un fossile straordinario   Sab Apr 17, 2010 6:26 pm

Bellissimo...
Mi è subito saltato agli occhi il cranio, come hai detto tu, con due finestre temporali cioè diapside, più leggero come quello dei rettili e uccelli (però modificato).
Non pensavo raggiungesse i 50 Km/h gli arti posteriori sono sotto il tronco dunque un buon corridore, a contrario dei rettili, corre qaunto uno struzzo!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Luciano
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 380
Età : 63
Location : Forlì
Data d'iscrizione : 06.01.10

MessaggioTitolo: Re: Un fossile straordinario   Sab Apr 17, 2010 8:24 pm

Salvatore Caiazzo ha scritto:
GRANDE Marco!


Mi associo .... a bocca aperta! Shocked
Sono rimasto affascinato dalla quantità e qualità di ciò che ci hai raccontato .... e anche dalla notevole capacità di sintesi ... senza rinunciare ai dettagli; veramente bravo!!Clap
Ciaoo.

P.s. spero che ti verranno altre "ispirazioni" come questa ... per raccontare a chi ne sa poco o nulla come me, ancora qualcosa dell'affascinante mondo della paleontologia!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.wildlifevideo.it/
Marco
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 279
Età : 29
Location : Casalecchio di Reno
Data d'iscrizione : 14.02.09

MessaggioTitolo: Re: Un fossile straordinario   Sab Apr 17, 2010 11:08 pm

Ben volentieri! E comunque Desi i ricordi dell'anatomia comparata vedo che sono molto freschi! Wink

Ottimo appunto sul modo di correre del Velociraptor!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Re: Un fossile straordinario   Dom Apr 18, 2010 10:28 am

Citazione :
Sono rimasto affascinato dalla quantità e qualità di ciò che ci hai raccontato .... e anche dalla notevole capacità di sintesi ... senza rinunciare ai dettagli; veramente bravo!!Clap

Mi associo...Marco è veramente bravo a spiegare!!

Si, anatomia comparata ha lasciato il segno....però quello che mi piace di più sono le ossa Tongue geek

Grande Marco!! Clap
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Un fossile straordinario   

Tornare in alto Andare in basso
 
Un fossile straordinario
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Naturalmente :: Terra, acqua, aria e fuoco :: Geologia e paleontologia-
Andare verso: