IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 La Pineta allagata

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Danio
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 335
Età : 34
Location : Bastia
Data d'iscrizione : 25.08.09

MessaggioTitolo: La Pineta allagata   Lun Feb 22, 2010 3:34 pm

Volevo esplorare la propaggine a nord della Pineta di Classe, già prima di arrivare un centinaio di pavoncelle, con uccelletti che sembrvano storni, sono state una visione propiziatoria.



L'ultima volta al passaggio a livello stavo giusto pensando agli effetti dell'inverno freddo sulle nutrie, e vedo un nutrione grassissimo, ecco la risposta, comunque i cardi non sono di suo gradimento. Wink



Entrando all'inizio della pineta, il vapore che saliva dai canali e dalle pozzanghere rendeva l'atmosfera irreale,





e, appunto, sento un potente battito d'ali, mi volto e compaiono 7 alzavole, fantastiche! I loro colli allungati tradivano una certa inquietudine, ed è bastato che rimetessi la fotocamera nella custodia, perchè un maschio desse l'allarme con un fischio, e via tutti!





Per terra, orme di istrice. Tutto contento vado nella direzione che avevo pianificato, ma rimango deluso perchè questa parte di pineta non è selvaggia, così devio a sinistra verso il Fosso Ghiaia, in cui cercavo non proprio un passaggio a NordOvest, ma qualcosa di altrettanto vago e sospettato. Il sentiero mi accontenta subito, ci sono grandi pozzanghere.



che mi costringono a camminare rasente alle filliree, ma più avanti è tutto asciutto... fino alla curva. Poi ecco una pozza inattraversabile, ed oltre la sabbia asciutta. Come fare? In queste situazioni ci dev'essere qualcosa che richiama "gli uomini volanti", cioè un elicottero dei carabinieri con un qualcosa tipo macchina fotografica, con cui hanno visto un... "patacca". Con un salto alla meglio sono riuscito a passare rischisamente di là, e comunque l'acqua fino al ginocchio di certo non m'invoglia a tornare indietro, sarei andato avanti. Accontentato! Con le pioggie i sentieri non sono pozzanghere, ma paludi! Ed io mi sono infilato nell'intrico di filliree, prugnoli, rovi e rose, cercando una deviazione. Non si può, direte voi, ma l'alternativa non mi attraeva mica tanto! Ed ecco che m'infilo in pertugi, tra rami ovviamente spinosi, o secchi, che sono un ottimo esercizio per l'equilibrio. Seguo una labile traccia, sempre meno labile perchè porta dritta dritta ad una tana. Troppo vicino, ne giro alla larga, volpe, tasso o istrice? Se è in casa ha i reumatismi...
Il sole prende forza, dopo la mattina di ghiaccio, e le radure possono ospitare anche le vipere, quindi attenzione ai polpacci, ma non riesco a muovermi silenziosamente, e le vipere, ancora una volta, rimangono nel mito. Ed ogni volta che mi avvicino al cosiddeto sentiero, lo trovo bello straripato. Va bene, cerco d'infilarmi nella pineta. Stranamente niente uccelli acquatici, solo usignoli di fiume. Dove sarò? Into the wild? No, a meno di 100 m campi ed automobili, ed io qui a vagare... in fondo non è niente male, seguo quella che poteva essere una paleoduna, od un basso argine, scavalcando tronchi fradici, ed agli occhi mi si presentano tratti di bosco igrofilo con un aspetto da giungla.



Ci sono anche delle strane fatte, penso a qualche daino particolarmente diarroico, ed invece... poco lontano nitide orme di cinghiali o maiali rinselvatichiti, dite pur la vostra, ce ne sono sparsi per tutta la pineta, ma devo ancora trovare chi voglia ammetterlo!



Di traverso da almeno un paio d'ore, stranamente anche il cellulare non riceveva, ma tanto, in pineta non mi sono mai perso, e mantengo più o meno la direzione. Ed alla fine eccomi, graffiato ed inzaccherato, in un sentierino agibile, ma perpendicolare a dove volevo andare, a SUD. Lo seguo lo stesso ed arrivo in riva al Fosso Ghiaia, e poco lontano Un ponticello! Attraversatolo, ritrovo i miei consueti punti di riferimento, e fasce di frassineto a foglie strette nelle bassure interdunali. L'acqua sembra sterile, e probabilmente lo è, per colpa di chi lo sappiamo già. Very angry



Incomincio a gironzolare in qua e là, tra arature



e Cladonie meravigliose.



Punto verso Sud, e passo attraverso i territori di un paio di Vanesse atalente: un brevissimo voletto e tornano a prendere il sole.



Mi viene voglia di far visita ad una certa pozza, ma ora, dove sono? Il leccio "che canta"? No, torno indietro.



Trovo il mio punto di riferimento, un Pinus pinea perlomeno secolare, ed in breve arrivo alla meta. L'ultima volta che capitai qua vidi con la coda dell'occhio un uccello che si allontanava con calma tra i pochi falaschi. Una fagiana particolarmente calma, non è un posto da tarabuso, pensai. E per questo, ma anche per fare più attenzione ai movimenti nell'acqua, mi avvicino quatto quatto. Niente in acqua, uffa! Ma i miei movimenti non erano passati inosservati, ed un magnifico tarabuso, giuro che è la verità, si alza in volo dai rami più alti dei pioppi, mi passa quasi sopra e poi va a posarsi ad un centinaio di metri di distanza, tra i pini. Cosa ho fatto! No Cosa ho fatto? scratch Niente, l'ho solo guardato a bocca aperta, anche se il suo volo è un po' goffo è sempre una graditissima sorpresa, ed ora che sono qui, un'occhiatina rapidissima alle dalmatine...



Non ne vedo, foto di repertorio, ma stimo almeno una decina di ovature. Bene! Ed il tarabuso? Ho tolto subito il disturbo, ma non si tratta di un sito riproduttivo. Il signore dall'abito a righe è venuto a pescare. Che se le sia mangiate lui le rane? Ed i tritoni? Per quanto si sia impegnato, lui almeno, non ha sterminato nessuna specie.
Missione compiuta dunque, da parte mia, torno a casa a mangiare i ravioli! Chissà se sono ancora caldi? mangia
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Lun Feb 22, 2010 7:57 pm






aspetta che,prima di rileggermelo,corro a prendere i pop-corn!!
mah mah...che spettacolo! ( o meglio....che SSSSsssssspetacòlo come direbbe un romagnolo! )....
mamma mia Danio,che racconto splendido!
dalla prima all'ultima foto,dalla priam all'ultima riga! che dire se non grazie?? Hug
la prima foto è sembra uno spettacolare quadro astratto...!
e poi la nutria...beh,sarà alloctona e dannoso ma a me piace un sacco What a Face ...mi verrebbe da Cuddle spupazzarla tutta!!!!! Embarassed Happy
per non parlare poi della terza e quarta foto.....la terza poi regala un atmosfera da urlo,surreale,da film oscar! Dance
e tutto il tuo racconto,la lotta con gli spini e le pozze...grande!!!!!!!!!!!! Banana
la vanessa e la dalmatina indicano come giù il clima è oramai primaverile!
per non parlare della chicca finale! il Tarabuso! anche se non c'è la foto,l'emozione è condivisa con un March !

allora Danio...quando ci porti in Pineta??????????? Pray Pray Pray
ormai è un posto mitico!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Danio
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 335
Età : 34
Location : Bastia
Data d'iscrizione : 25.08.09

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Lun Feb 22, 2010 8:13 pm

Grazie Andrea, basta mettersi d'accordo e va bene un giorno qualunque, io fino al 6 marzo avrò poco di libero, poi... via! Ovviamente essere là dalle 7 di mattina (prima è chiusa) è molto meglio .
P.S. alcune nutrie hanno proprio un faccione simpatico!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
David_jcd
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 205
Età : 30
Location : Alto Adige
Data d'iscrizione : 03.01.10

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Lun Feb 22, 2010 8:51 pm

Danio ha scritto:


Ci sono anche delle strane fatte, penso a qualche daino particolarmente diarroico, ed invece... poco lontano nitide orme di cinghiali o maiali rinselvatichiti, dite pur la vostra, ce ne sono sparsi per tutta la pineta, ma devo ancora trovare chi voglia ammetterlo!

cos'è l'oggetto in mezzo alle impronte?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Luciano
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 380
Età : 62
Location : Forlì
Data d'iscrizione : 06.01.10

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Lun Feb 22, 2010 9:38 pm

A bocca aperta Danio!! Happy
Bellissimo racconto! Clap


Danio ha scritto:
.... poco lontano nitide orme di cinghiali o maiali rinselvatichiti ....

So che mi manderai a quel paese ... ma quelle impronte non sono di cinghiale .... sicuramente un cervide (se mi dici che ci sono solo daini ... probabilmente sono loro); ricordi le dimensioni?
Ciaoo
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.wildlifevideo.it/
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Lun Feb 22, 2010 10:12 pm

Bravo Danio! Terza e quarta splendide, il leccio che canta, da urlo.
Magari per il giretto in loco converrà aspettare qualche decimetro in meno di acqua... l'impresisone è molto "wilderness". Clap
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 12:34 pm

in effetti guardando gli speroni si vede che non sono da cinghiale ...dovrebbero essere aperti all'esterno,ma questi invece sono perfettamente centrati.
Tornare in alto Andare in basso
Luciano
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 380
Età : 62
Location : Forlì
Data d'iscrizione : 06.01.10

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 12:45 pm

Andrea Boscherini ha scritto:
in effetti guardando gli speroni si vede che non sono da cinghiale ...dovrebbero essere aperti all'esterno,ma questi invece sono perfettamente centrati.

Bravo Andrea!! Clap Clap
Più aperti verso l'esterno (orma trapezoidale) ... e molto più vicini alle suole! Wink
Ciaoo.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.wildlifevideo.it/
Danio
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 335
Età : 34
Location : Bastia
Data d'iscrizione : 25.08.09

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 7:14 pm

Un giretto per i luoghi esatti di questo post è ora molto umido... ma ci sono vari altri sentieri!
Ed invece vi ringrazio, nessuno i suini li ha visti perchè... mi sbagliavo io ! Non sapevo di dover guardare l'orientamento degli speroni, quindi a Luciano e Andrea, un grande grazie!
L'oggetto in mezzo l'ho sempre nel portafoglio, lo uso per dare idea delle dimensioni di orme ecc, è lungo 3 cm e ricordo che queste, probabilmente, sarebbero state piccole per essere di cinghiale adulto.
Di cervi non ce ne sono, ho dubbi sui caprioli, ma non ne ho mai visti lì, e di daini ce ne sono abbastanza per rendere loro la vita difficile.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 8:25 pm

beh allora direi Daino...anche perchè il capriolo ha l'impronta molto più stretta...almeno le anteriori..
Tornare in alto Andare in basso
David_jcd
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 205
Età : 30
Location : Alto Adige
Data d'iscrizione : 03.01.10

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 9:24 pm

Danio ha scritto:
Un giretto per i luoghi esatti di questo post è ora molto umido... ma ci sono vari altri sentieri!
Ed invece vi ringrazio, nessuno i suini li ha visti perchè... mi sbagliavo io ! Non sapevo di dover guardare l'orientamento degli speroni, quindi a Luciano e Andrea, un grande grazie!
L'oggetto in mezzo l'ho sempre nel portafoglio, lo uso per dare idea delle dimensioni di orme ecc, è lungo 3 cm e ricordo che queste, probabilmente, sarebbero state piccole per essere di cinghiale adulto.

ah, ecco. Mi sembrava una banconota da 5€, ho pensato che fosse un cinghiale da tre quintali!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 9:28 pm

...e se invece di daino fosse di danio?? clown
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Danio
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 335
Età : 34
Location : Bastia
Data d'iscrizione : 25.08.09

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 9:45 pm

Acc... avete scoperto la mia vera natura Non vi dico che fatica tagliarsi le unghie
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mar Feb 23, 2010 9:53 pm

Bè, con quel profilo vagamente da satiro..... Evil smile
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mer Feb 24, 2010 9:01 am

ah ah ah però ci starebbe bene Evil smile !
Tornare in alto Andare in basso
Danio
Naturalista fiorito
Naturalista fiorito
avatar

Numero di messaggi : 335
Età : 34
Location : Bastia
Data d'iscrizione : 25.08.09

MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   Mer Feb 24, 2010 1:01 pm

Eh, però acqua in bocca...
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La Pineta allagata   

Tornare in alto Andare in basso
 
La Pineta allagata
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» nella pineta innevata
» crociere pineta e lucherino barbato
» Piccola pineta

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Naturalmente :: Ambienti :: Stagni e Paludi-
Andare verso: