IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Macro...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Macro...   Ven Mar 06, 2009 7:18 pm

Questa foto è messa a fuoco bene sulla coccinella....

però io volendone fare una più vicina (un bel primo piano) non ci sono riuscita, bisogna premettere che non l'ho fatta con un macchinetta adeguata (o almeno io non ne sono stata capace) ed è venuta così:

anche con la mia Pentax ho provato a fare alcune foto "macro" ma non mi sono riuscite.
Come posso fare?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Roberto
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 296
Età : 55
Data d'iscrizione : 06.02.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Ven Mar 06, 2009 7:35 pm

se la macchina e/o l'obiettivo non ti permette di avvicinarti di piu' e /o non e' macro e' impossibile fotografare una coccinella piu' in grande
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.robertocobianchi.net
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Ven Mar 06, 2009 8:57 pm

Desy, per prima cosa torna a studiare!
Poi, per rispondere al quesito, direi che ormai tutte le macchine, anche le compattine più infime, hanno l'opzione macro e spesso supermacro, fino alla distanza di un centimetro dal soggetto, basta solo impostarle. A meno che tu non stia parlando del telefonino...... Shocked
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Ven Mar 06, 2009 9:12 pm

Ah ah no no non le ho fatte con la mia macchina forografica da 2 mpx.....
Mah allora la prossima volta che ho sotto tiro la macchinetta di Rosa glie la rubo e provo ancora Evil smile
P.S....basta studiare per oggi ho già fatto 7 ore di studio non ce la faccio più anche se ho ingurgitato un sacco di dolci..... Very sad
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Ven Mar 06, 2009 9:18 pm

Allora sei già stata moooolto più brava di me, io mi sono limitato ai dolci................ Tongue
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Sab Mar 07, 2009 7:04 am

Allora, facciamo un po' il punto della situazione. Effettivamente Roberto ha ragione, nel senso che la (im)possibilità di avvicinarti di più dipende dalla combinazione di macchina/obiettivo. Ci sarà una distanza minima di messa a fuoco oltre quale non riuscirai ad andare, quindi se stai usando una macchina compatta o una reflex con un dato obiettivo, il primo passo è di capire bene i limiti dell'attrezzatura che hai a disposizione. Il secondo passo è di imparare i vari trucchi da impiegare per riuscire comunque a tirare fuori una bella foto, anche se non una "macro" nel senso tradizionale.
Con una reflex, la cosa più importante è ovviamente l'obiettivo. Ci sono obiettivi macro dedicati che hanno una distanza minima di messa a fuoco molto più corta, quindi ti permettono di avvicinarti di più in modo che il soggetto occupa un percentuale più elevato dell'inquadratura. Con un obiettivo normale, bisogna verificare quella distanza minima e lavorare entro quel limite.
Come dice Salvatore, quasi tutte le compatte hanno un'opzione macro che ti permettono di arrivare molto vicino e possono dare ottimi risultati per le macro perché per ragioni tecniche hanno una profondità di campo (cioè la distanza dal punto più vicino bene in fuoco e il punto più lontano ben in fuoco) molto ampia. Quindi controlla bene se c'è questa funzione che è spesso indicata con l'icona di un fiore. Se non ce l'ha, effettivamente una macro di una coccinella diventa un po' problematica, ma si può sempre farne una foto ambientata Wink .
Almeno all'inizio quando ti stai abituando alla macchina e la tecnica delle macro, al limite del possibile, prova ad operare con una luce buona. Per motivi che spiegherò un'altra volta, meno luce c'è, più è difficile di mettere tutto bene a fuoco e ottenere un risultato globale soddisfacente.
Parlando sempre della messa a fuoco, soprattutto con una compatta (ma non solo), è molto probabile che avrai grosse difficoltà mettendo a fuoco una piccola coccinella in automatica. Se la tua macchina te lo permette, impostala su messa a fuoco manuale, poi imposta la minima distanza di messa a fuoco e mettere in fuoco la coccinella muovendo la macchina avanti e indietro. Se possibile, aiutati a tenerla ferma appoggiando le braccia o i gomiti su qualcosa di stabile. Se non c'è la funzione di messa a fuoco manuale, puoi ottenere un effetto simile mettendo a fuoco su qualcosa di più grande e facile alla minima distanza possibile, tenendo premuto il tasto di scatto per mantenere la posizione di messa a fuoco, tornando all'inquadratura desiderata e mettendo il soggetto a fuoco muovendo la macchina fotografica avanti e indietro.
Ricordati che, come ho accennato sopra, per avere una bella foto di una coccinella, non bisogna per forza fare una macro. Si può anche ottenere ottimi risultati fotografando la coccinella come un componente dell'ambiente generale. In tal caso, bisogna pensare un attimo all'inquadratura, anche se mi rendo conto che non è sempre facile sul luogo con magari la coccinella che corre da pazza!
Odio le regole e soprattutto nella fotografia, però in linea di massimo sembra che un'immagine divisa in tre (la cosiddetta regola di terzi) è più piacevole all'occhio. Non è sempre vero ovviamente e molte delle mie foto hanno apposta un soggetto centralizzato perché è così che mi piace. Un esempio di una foto che secondo me è bella proprio perché infrange questa regola e mette il soggetto pieno in centro è questa bella veronica di Betty...



Comunque, nel tuo caso, anche per la presenza di quello stelo di erba chiaro molto predominante, forse si potrebbe migliorare spostando il centro d'attenzione. Due possibilità potrebbero essere...



oppure



Nota che ho anche aumentato leggermente la nitidezza per rendere l'immagine più incisiva. Ci sono puristi che mantengono che se non si riesce ad ottenere la foto perfetta con l'inquadratura perfetta sul campo sei un fallito. Ma per me quell'atteggiamento ha un senso solo se stai partecipando in concorsi per dimostrare quanto sei bravo al momento dello scatto. Credo invece che l'importante è di usare al massimo gli strumenti tecnologici alla nostra disposizione per "catturare" e trasmettere le sensazioni e emozioni del momento, senza però abusarli per alterare il contenuto con l'intento di ingannare (inserendo la coccinella in una delle foto subacquee di Gianni per assurdo!).
Quindi secondo me è non solo legittimo ma anche necessario di fare qualche piccola aggiustatina nel PC dopo lo scatto, soprattutto nel tuo caso per superare i limiti dell'attrezzatura a disposizione Wink .
Ma la cosa più importante è... divertirti!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Roberto
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 296
Età : 55
Data d'iscrizione : 06.02.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Sab Mar 07, 2009 6:29 pm

c he brava Sarah ... decisamente sono di poche parole No ... scusatemi Cuddle
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.robertocobianchi.net
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Sab Mar 07, 2009 7:24 pm

Grazie Sarah....mi hai dato un sacco di consigli utili!!
Roberto non preoccuparti, in fondo mi hai detto qual'è essenzialmente il problema....grazie Happy
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Dom Mar 08, 2009 4:34 am

Desy, felice se ti sono stata utile Hug . Roberto, assolutamente nulla da perdonare, ognuno ha il suo modo prediletto per comunicare. L'importante è di avere qualcosa che vale la pena di trasmettere... e tu ce l'hai in abbondanza.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Macro...   Dom Mar 08, 2009 12:51 pm

beh,direi che sarah è stata a dir poco soddisfacente!!! Clap
io ti posso aiutare dicendoti che,visto che conosco la macchina che hai usato (una compatta di facile uso un pò come la mia vecchia macchina foto ) per fare un bel macro devi avvicinarti molto molto molto...in certi casi il soggetto sfugge,ma mi è capitato che per cercare di fotografare in macro un cervo volante, sono arrivato a toccargli le sue pinze!!!! c'è lo svantaggio che bisogna avvicinarsi sul serio fino ad un centimetro,ma però la foto viene nitidissima!!!anche se la qualità di una reflex rimane irraggiungibile.....
per quanto riguarda il discorso di Sarah sul ritocco fotografico sono in parte d'accordo....io non ho mai ritoccato una mia foto e penso che mai lo farò...non sono un purista,però secondo me una foto non ritoccata,oltre ad evidenziare in quel momento la bravura del fotografo a scegliere inquadratura e luce,da un orgoglio personale unico...ad esempio,la foto che ho fatto hai 2 cervi che ho messo sul sito mi rende,nonostante la sua scarsa luce e nitidezza,molto orgoglioso,sia per il momento che per la foto....se dovessi andare a ritoccarla,migliorandone le qualità o anche solo la luce,risulterebbe un falso e non mi darebbe più emozioni....anzi,non mi attirerebbe più...sicuramente la foto manderebbe comunque un bel messaggio agli altri,ma non a me stesso.. No l'unica cosa che accetto è il tagliare la foto se per caso si ha fatto un inquadratura troppo larga che prende di mezzo oggetti di disturbo oppure tolgiere una parte di foto sfuocata come ha fatto Sarah nella foto di Desy con la coccinella....
con il ritocco per me si oscura la bravura del vero fotografo...anche perchè con i programmi di oggi quasi tutti riescono a diventare fotografi facilmente pur non essendo tecnicamente un granchè...è vero che l'inquadratura e lo stile sono unici ed intoccabili e infalsificabili,ma ormai il vero fotografo che si mette li a pensare e pensare come fare una foto ad un soggetto,pensare anche ore per cogliere la massima perfezione del momento giusto,non esiste più...e questo è colpa della foto digitale ( certo però i vantaggi sono indiscutibili ).....ma naturalmente non è il vostro caso,il mio è un discorso in generale..anche perchè la bravura di Sarah è tale che nel suo caso un ritocco certamente non cambia la foto..anche perchè penso ci sia poco da ritoccare!!...non vorrei che il mio messaggio fosse preso come un accusa,è semplicemente come la penso io....ma il mondo è bello perchè vario! Embarassed
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Dom Mar 08, 2009 3:58 pm

E' un discorso lungo che riprenderemo molte volte strada facendo Wink . Comunque, se mi permetti Hug, non sono d'accordo che il vero fotografo non esiste più, nemmeno che la tecnologia digitale ha permesso a tutti di diventare bravi fotografi. Ciò che è vero invece è che adesso tutti possono fare foto, molti saranno soddisfatti con i risultati, alcuni riusciranno a soddisfare anche chi guarda le foto e pochi si scopriranno bravi fotografi... e i bravi fotografi saranno sempre quelli che lavorano bene sul campo, perché non c'è elaborazione post-scatto nel mondo che può tirare fuori una foto bella da uno scatto brutto. Può solo migliorare una foto già buona o salvare qualcosa di accettabile da una foto rovinata da errori al momento dello scatto.
Poi, non è nemmeno vero che i bravi fotografi del passato facevano tutti sul luogo. La "manipolazione" iniziava con la scelta della pellicola, poi dopo lo scatto c'era lo sviluppo del negativo con la scelta difficile della combinazione giusta di acidi, concentrazione e tempo per avere il risultato desiderato. Nella camera scura, c'era la scelta della carta giusta per il contrasto della stampa, i tempi e l'apertura dell'ingranditore, tutti quei lavori di "manipolazione" durante l'esposizione, usando le mani o una "lecca-lecca" fatta in casa di filo di ferro e cartoncino per tenere indietro le zone scure e "bruciare" le zone chiare. O dopo con la carta nello acido sviluppatore, strofinando con il dito i punti chiari in modo che il calore della mano li facesse sviluppare più veloce per fare uscire più dettaglio. Ma poi, guai se diventava troppo caldo nella camera scura, perché la stampa si sviluppava troppo in fretta e non si capiva nulla! E non ho nemmeno iniziato a parlare del fotoritocco vero e proprio che è tutto un altro discorso!
Però, c'è una cosa di cui sono completamente convinta... che all'inizio è mille volte meglio seguire la strada che hai scelto tu e di dare priorità assoluta al momento dello scatto, perché è l'unico modo di entrare in sintonia con la macchina fotografica, le tecniche fotografiche e soprattutto la luce stessa. Cioè, di diventare un bravo fotografo. Poi secondo me (ce ne riparleremo Evil smile ) ad un certo momento ti verrà voglia di prendere controllo anche della rifinitura dopo lo scatto e di non lasciare tutte le decisioni al cervello elettronico della macchina fotografica. Perché è di controllo che stiamo parlando Wink .
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Dom Mar 08, 2009 7:24 pm

Bella discussione, pure io è da un po che mi scervello su questo argomento per capire da che parte stare, condivido in parte il discorso che ha fatto Andrea, anche se qualche "ritoccata" l'ho data pure io alle mie foto sviluppare dalla pellicola, dandogli un po' più contrasto visto che ne avevano perso molto scannerizzandole, credo che qualche ritoccatina non faccia male se fatta in situazioni particolari.
Condivido anche il discorso che ha fatto Sarah sui ritocchi in passato, anche se non fatti con le "diavolerie" teconogiche pure loro avevano i loro "trucchetti". Prima di tutto, per adesso penso a imparare a fare delle belle foto, poi quando sarò brava potrò cominciare apensare ai ritocchi. Happy Anzi, prima di tutto devo raccattare uno straccio di macchina No
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Lun Mar 09, 2009 5:15 am

Carissimi, nella certezza che ritorneremo su questo argomento più volte, c'è una cosa di base da chiarire. Qui stiamo parlando di due cose completamente diverse. Una è l'elaborazione dopo-scatto, l'altro è il ritocco. Il primo è l'equivalente dello sviluppo del negativo su pellicola e credo che sia non solo un bene ma anche essenziale. Il secondo importa in qualche maniera la manipolazione del contenuto della foto ed è da usare con molta cautela e consapevolezza.
C'è un discorso in particolare che per ora non ho voluto affrontare perché so che più o meno siete tutti alle prime armi e entrambi di voi, Desy e Andrea, avete detto una cosa verissima... che prima di tutto bisogna imparare a fare foto. Poi del resto si pensa in un secondo tempo. Comunque, visto che ci siamo, vi spiego brevemente.
Per ora state fotografando direttamente nel formato "jpg", cioè, lo stesso formatto che userete poi per postare le vostre foto nel forum. Questo formatto è di per sé compresso. La macchina fotografica riceve una marea di dati dall'immagine che state fotografando. Lì sul campo elabora quell'insieme di dati nel suo cervello elettronico e decide quali secondo lei è importante e quali può cancellare. Ricordatevi che in effetti se voi volete o noi, la macchina fotografica fa comunque un'elaborazione dopo-scatto, aggiustando il contrasto, la nitidezza, la saturazione e così via secondo i vostri settaggi. Il risultato è un file di dimensione relativamente ridotto e comodamente pronto per l'uso immediato. Però, i dati persi in quel momento sono andati per sempre e non possono mai essere recuperati.
C'è però un formatto alternativo disponibile in quasi tutte le macchine fotografiche nuove, anche le compatte, e di cui parleremo più in profondità in un secondo tempo. Si chiama "raw" (cioè, grezzo in inglese) e vuol dire che la macchina fotografica salva tutti i dati che arrivano al sensore dall'immagine soggetto. Il risultato è un file più grande ma che però contiene il massimo di dati possibile da quale voi potete scegliere quali tenere e quali perdere in una seconda fase di "sviluppo" nel computer. Può considerarsi un autentico "negativo digitale" che bisogna convertire in jpg (o altro) prima di poter usarlo e durante quel fase di sviluppo. Questo è il formatto che uso io e immagino i nostri amici fotografi.
Visto che la macchina fotografica non ha fatto nessun'elaborazione, guardando il "negativo" inevitabilmente l'immagine sembra piatto e senza definizione. Tocca a te in questa fase di sviluppo/conversione di fare "a mano" ciò che la macchina fotografica fa automaticamente con un jpg... cioè, aggiustare il contrasto, la nitidezza, la saturazione, il bilanciamento del bianco (cioè la tonalità dei colori) e l'esposizione. Visto che tutti i dati sono presenti, si può ottenere un'immagine con una gamma dinamica (cioè la gamma fra la parte più chiara della tua foto in cui si vede dettaglio e la parte più scura) molto più ampia e molto più simile a quella dell'occhio umano.
Poi quando siete pronti, ne riparleremo Wink .
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Roberto
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 296
Età : 55
Data d'iscrizione : 06.02.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Lun Mar 09, 2009 7:11 am

io leggo con estremo piacere le risposte di Sarah alla quale potrei tranquillamente delegare anche le mie risposte in quanto so, sopratutto per quello che riguarda questi argomenti, che il pensiero e' comune.
Il vostro approccio entusiastico e "ingenuo", scusatemi il termine, in quanto alle prime armi, mi fa un'enorme tenerezza e nostalgia.
Comunque non pensate che l'elaborazione sia il diavolo e nemmeno che bisogna arrivarci per forza, perlomeno a molte operazioni, dipende solo da cosa si vuole dai propri scatti .... torno ad osservare Wink
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.robertocobianchi.net
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Lun Mar 09, 2009 2:14 pm

Sai Roberto, secondo me il discriminante è più che noi siamo "vecchi" (molto tra virgolette ovviamente!), non per l'età, ma perché siamo l'ultima generazione di avvicinarsi alla fotografia attraverso il mondo della pellicola che non perdona. La nostra visione tenderà sempre ad essere diversa.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Desirée
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 904
Età : 29
Location : Limone sul Garda / Bologna
Data d'iscrizione : 30.01.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Lun Mar 09, 2009 6:22 pm

Ok, si ce la siamo proprio voluta.... Embarassed ....giudicando cose che effettivamente non sono ancora "nostre" ma il fatto positivo è stato che abbiamo impariamo un sacco di cose nuove.... Happy
Scusate se in qualche modo vi siete sentiti offesi Hug
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Lun Mar 09, 2009 7:05 pm

Desirée ha scritto:
Scusate se in qualche modo vi siete sentiti offesi Hug
Ma figurati, e perché mai dovremmo sentirci offesi!!?? E' bello poter dialogare su queste cose (come anche tutto il resto), poi non c'è un modo giusto e un modo sbagliato di avvicinarsi alla fotografia. Tutto dipende dall'inclinazione personale e l'uso che vuoi fare delle foto.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Roberto
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 296
Età : 55
Data d'iscrizione : 06.02.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Lun Mar 09, 2009 7:44 pm

ma figurati, nessuna offesa, vi capisco benissimo.
purtroppo con il digitale non funzione proprio cosi' e un minimo di cose bisogna impararle...con calma .... l'importante e', secondo me, imparare ad abbellire i propri scatti, non modificarli ricreando realta' diverse ....
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.robertocobianchi.net
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Macro...   Mar Mar 10, 2009 4:28 pm

scusate il ritardo,ma ho dato ieri un esame e non ho avuto tempo per rispondere..beh,grazie mille Hug dei chiarimenti,mi ero fatto prendere senza sapere a pieno certe cose...non pensavo che i vecchi fotografi fossero così capaci di manipolare le loro opere..lo imparo solo ora Embarassed ...scuse anche da parte mia Pray ..in effetti,il tuo discorso sarah è molto più chiaro ora...non sapevo che la macchina non registrasse tutto,quindi scusa ancora e grazie per l'informazione....nemmeno a farlo apposta,proprio ieri siamo andato a fare un giro con Salvatore sui colli bolognesi..ed un bel fiore viola intenso ha attirato l'attenzione....dopo aver fatto la foto,ho notato che la mia macchina lo aveva fatto azzurro invece che viola Very sad .....e neppure la macchina di Salvatore è riuscita a fare meglio.. No ....allora ho capito che in certi casi il ritocco serve per rendere naturale ciò che era ma la macchina non è riuscita a fare....il difficile sarà replicare al meglio il vero colore perchè la nostra memoria è imperfetta...
comunque perfetto,ne riparleremo ancora in futuro Happy grazie ancora e scusate la mia ignoranza Pray Pray
Tornare in alto Andare in basso
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Mar Mar 10, 2009 4:35 pm

Non preoccuparti, Andrea, che qui di ignoranza ne abbiamo da vendere....hi hi hi clown Evil smile Banana
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Mar Mar 10, 2009 6:23 pm

Guarda che nessuno si è sentito offeso e non c'è assolutamente bisogna di scuse Hug . Anzi, è bello poter confrontarci e "parlare" fra amici.

Citazione :
un bel fiore viola intenso ha attirato l'attenzione....dopo aver fatto la foto,ho notato che la mia macchina lo aveva fatto azzurro invece che viola
Il fiore era nell'ombra per caso? Comunque, secondo me di ottenere colori fedeli all'originale è la cosa più difficile in assoluto, anche se esistono varie tecniche e trucchi per avvicinarsi Wink , soprattutto quando inizi a scattare in raw (come sicuramente lo farai prima o poi). Poi le spiegherò.
Nel frattempo un piccolo accorgimento che ti aiuta almeno a capire quanto sono sbagliati i colori e eventualmente di tentare di correggerli nell'elaborazione dopo-scatto. Quando stai fotografando qualcosa dove i colori sono critici, come un fiore o un fungo per esempio, fai una foto in ogni serie con un pezzo di cartoncino grigio neutro nell'inquadratura. Puoi anche usare un pezzo di carta bianca normale, ma può creare problemi con l'esposizione. A questo punto non è necessario che è perfettamente neutro, l'importante è che ti dà un punto di riferimento per confrontare e se necessario correggere i risultati dopo. Perché non posti il fiore così vediamo se si può fare qualcosa?
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Macro...   Mar Mar 10, 2009 10:27 pm

si,il fiore era in una zona al buio....però attorno vi era una gran luce...per ora non posso caricare foto che ho lasciato il filo per scaricarle a casa Very sad ..verso venerdì le meterò,così mi insegnerai ancora qualcosa di prezioso,come sempre del resto!!! Hug Dance Clap
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Naturalista comandante
Naturalista comandante
avatar

Numero di messaggi : 1670
Età : 60
Location : Ostia e la Majella
Data d'iscrizione : 12.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Mer Mar 11, 2009 4:55 am

Citazione :
si,il fiore era in una zona al buio....però attorno vi era una gran luce
Ahi... Very sad , le condizioni peggiore. Dai, quando puoi, metti la foto e vediamo. Poi provo anche a scrivere qualcosa su questo, che come ho detto, è uno dei fattori più critici in assoluto.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Elisabetta
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 523
Età : 29
Location : di nascita:Verona...nel cuore: San Donato di Lamon(Terra dei fagioli)
Data d'iscrizione : 29.01.09

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Gio Giu 18, 2009 8:26 pm

Colgo l'occasione per chiedervi un consiglio sulla possibilità di avvicinarmi alla macro fotografia senza dover investire troppo confused!
Posto che sarebbe indispensabile ma un po' troppo laborioso attrezzarmi di soffietto e obbiettivi macro 20 o 38 o 80 mm ...pensavo di risolvere con gli anelli di prolunga:ma la messa a fuoco Fright Fright Fright...per mettere a fuoco, pur continuando a respirare, dovrei per lo meno avere un riproduttore portatile! E allora provare a fare con quel che ho??E' fattibile sfruttare l'obbiettivo 50 mm+DUPLICATORE+lenti addizionali; oppure il 130mm+ lenti addizionali?o il 50+lenti addizionali...o scratch ?Chiedo a voi consiglio poichè in linea teorica mi sto scervellando sulle combinazioni possibili...ma in pratica scratch!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Macro...   Gio Giu 18, 2009 10:41 pm

Per la macro con la macchina tradizionale usavo le lenti addizionali (+1 +2 +3). Non usavo il duplicatore, che in questo caso non serve. Avevo anche costriuto un anello adattatore per montare il 50 mm al contrario, in questo modo si arrivava ad un macro molto spinto, ma senza possibilità di mettere a fuoco, bisognava allontanarsi o avvicinarsi.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Macro...   

Tornare in alto Andare in basso
 
Macro...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» io e il macro bonsaismo :)
» Da Macro a Micro - Ficus carica a go-go
» crassula perde le foglie e i rami

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Naturalmente :: Fotografia :: L'occhio, la fotocamera e la natura-
Andare verso: