IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  Accedi  

Condividere | 
 

 Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Marco
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 279
Età : 29
Location : Casalecchio di Reno
Data d'iscrizione : 14.02.09

MessaggioTitolo: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Dom Giu 17, 2012 2:47 pm

Sottotitolo dovuto a un ricordo della Val di Vizze (BZ) di 3 anni fa, da lunedì 4 a giovedì 8 giugno sono stato a Timau (UD) col 3° anno di Scienze Naturali e il mitico prof. Venturini. Di seguito, per chi non c'è stato, una cartina che mostra a grandi linee dove si trova questo paesino:



Il tracciato in blu (se il daltonismo non m'inganna) da Piano d'Arta a Timau e poi la strada fino al P.so di M. Croce Carnico rappresenta la valle del But, che poco più a sud s'immette nel Tagliamento; è in questa zona, oltre al paese di Tolmezzo più a sud, in cui l'escursione si è svolta. Qui si trovano rocce molto lontane dal presente e che svariano dall'Ordoviciano (505-415 maf) al Triassico superiore (Norico, 215-208 maf); ci sono poi parti di alcuni versanti che risalgono al Miocene (18-5 maf), unici rappresentanti rocce giovani.

Un primo stop va fatto qui, sull'assenza di rocce degli ultimi 200 milioni di anni: il motivo risiede nell'Orogenesi Alpina che, attiva negli ultimi 50 milioni di anni, ha sollevato tutte le formazioni rocciose oltre il livello del mare sottoponendole a una forte erosione che le ha smantellate nelle parti centrali delle Alpi. Questo perchè più una catena montuosa è alta, maggiore è l'energia di rilievo che acquisisce, il che aumenta l'effetto erosivo degli elementi.


E ora il racconto del viaggio: il primo giorno pioveva che Dio la mandava, ma martedì la questione era completamente diversa; ecco alcune foto di Timau il martedì mattina. La parte verso nord:



e quella verso sud:



Qui il Cristo di legno nella Chiesa costruita nel 1945 col milione di lire donato da un ufficiale nazista in ritirata verso la Germania qualche giorno dopo la Liberazione, in ringraziamento di tutto quel che i paesani avevano fatto per curare i suoi soldati feriti:



Dopodichè meta: cima Avostanis, poco lontana dal paesino e adiacente la Creta di Timau, monte che sovrasta l'omonimo paese. Da 820m ai 1950 del laghetto di circolo glaciale in cima! Primo passo: in macchina verso Casera Pramosio, una bellissima baita in montagna a quota 1500m con vicina una cava di calcare da costruzione:



Scusate se non metto una foto della baita, ma mi rendo conto ora che ero talmente gasato dalle rocce che ho fotografato la cava e non la baita. E poi la lunga salita sulla mulattiera che rivela i calcari grigi del Devoniano, rappresentanti la più grande scogliera tropicale mai esistita: questa si estendeva dalla Lombardia orientale quasi fino a Vienna, con una lunghissima laguna retrostante e un ambiente di avanscogliera altrettanto sviluppato. Avrei voluto esserci in quel periodo per vedere l'immane quantità di pesci Placodermi popolare i mari, mentre gli ultimi Ostracodermi e gli scorpioni di mare si estinguevano a loro discapito; magari avrei visto anche qualche piccolo fiume coi primi squali (Protoselaci) non troppo differenti da quelli attuali.



La piccola grotta che vedete è antropica: il carsismo e le grotte sono in questi calcari relativamente ben sviluppati ma non è questo il caso; ci torneremo più avanti. Una cosa che invece ho trovato sono le mie prime Climenie fossili!! Erano gli antenati delle più famose Ammoniti del Mesozoico, appena farò delle foto dei fossili che ho trovato le caricherò sicuramente. Il mio daltonismo invece non mi ha permesso di notare i minerali come l'azzurrite sui calcari grigio-azzurri...
Lungo il percorso, una madonnina in un piccolo anfratto ricavato dalla roccia:



Risalendo la china, una torbiera d'alta montagna profonda non più di 30-40cm al centro, un autentico spettacolo!!


La sua formazione è molto probabilmente dovuta al ristagno d'acqua in un punto in cui probabilmente il ghiacciaio wurmiano proveniente dalla vetta (il Wurm è l'ultima glaciazione, qui si parla del suo ultimo tratto durato nell'intervallo 18-15kaf) esarò la roccia in modo preferenziale; nella foto si vede bene l'anello di vegetazione erbacea intorno all'invaso, il che testimonia il suo riempimento per mezzo delle acque di scioglimento delle nevi e poi una sua permanenza durante tutto l'anno.
Altrettanto verde è il suo "pseudo-emissario", riconoscibile dal peduncolo con cui lo stagno termina e dal fatto che, seguente a questo peduncolo, si trova una zona più verdeggiante ristretta a una linea sul fondo di questa piccola depressione lineare.
Nella torbiera un nugolo di tritoni e girini, che il Salvatore mi ha suggerito essere tritone alpino:









Poi questi due appoggiati su un sasso sott'acqua sono quelli che a vederli mi hanno davvero emozionato; e in quel momento mi sono venuti in mente gli anfibi giganti del Carbonifero come l'Eogyrinus, molto somigliante ai nostri tritoni ma lungo 3 metri!


Lascio il sentiero per aggirare e scalare le rocce del Carbonifero, arrivando in cima al circolo glaciale, ma nel percorso m'imbatto in una struttura militare italiana, molto probabilmente un deposito di armi protetto dallo sperone roccioso contro l'artiglieria asburgica:


Tra l'altro il Gruppo Speleologico di Varese ha fatto una pubblicazione dettagliata su tutte le strutture belliche della 1° GM sia austriache che italiane, esplorando anche gli ipogei e mappandoli. E, indovinate... io CE L'HO!!

Finalmente arrivo in cima, e davanti a me si innalza Cima Avostanis! La foto non è zoomata:



E alla sua base il Lago Avostanis, qui parte sud:



e parte nord:


alla cui base si nota la vastissima falda di detrito in cui ho cercato fossili (invano ahimè) per mezz'ora buona; in cima s'intravvede un parapetto difensivo non so dirvi di quale schieramento. A destra potete vedere i calcari del Devoniano e a sinistra le rocce finissime e scure del Carbonifero: in quel periodo per 20 milioni di anni fu attivo il sollevamento dei Monti Ercini, per cui dopo 25 milioni di anni di vita la scogliera lentamente sprofondò e soffocò sotto i finissimi sedimenti scuri a radiolari del Carbonifero inferiore, seguiti dal Flysch ercinico (marne testimonianti un evento di frana sottomarina per ogni strato presente); insieme a questi strati si trovano anche delle rioliti, rappresentanti un vulcanismo esplosivo (acido), e dei basalti, rappresentanti un vulcanismo a colate (basico) accaduti a distanza di qualche milione di anni l'uno dall'altro.

Nel lago, cavedani:



E, con grande sorpresa di tutti i naturalisti presenti, rospi (trovato uno morto non predato) e ovature:





La parte inattiva della falda di detrito sotto la parete di Cima Avostanis ospita anche bei prati fioriti come questo, ma qui lascio a voi l'identificazione delle specie presenti:



Il resto dell'escursione arriva a breve!! Spero che finora vi sia piaciuto
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Dom Giu 17, 2012 10:27 pm

Posti bellissimi e conosciuti..insieme!
Ci sarei tornato con gran piacere, ma il tuo reportage non me ne fa sentire la mancanza, complimenti!! Hug
Se permetti utilizzerò una delle tue foto per la prossima intestazione del forum.
Adesso aspettiamo il resto... Dance
A proposito, i fiori blu sono una specie di genziana, forse Genziana kochiana
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Marco
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 279
Età : 29
Location : Casalecchio di Reno
Data d'iscrizione : 14.02.09

MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Mar Giu 19, 2012 9:51 am

Certo che puoi usarla, anzi, ne sarei davvero contento. Per caso questa genziana è una acidofila? Te lo chiedo perchè sulle rocce del Carbonifero le piante sono acidofile, credo rododendri se ricordo bene. Certo, questa è sui calcari devoniani quindi non è detto. Ma nel caso sarebbe interessante
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Salvatore Caiazzo
Naturalista Admin
Naturalista Admin
avatar

Numero di messaggi : 2783
Età : 56
Location : Monteveglio Bologna
Data d'iscrizione : 20.12.08

MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Mar Giu 19, 2012 8:09 pm

No, acidofila proprio no, vive sui ghiaioni tendenzialmente calcarei.
Magari la prossima volta che ci torni, prova a fare qualche foto più da vicino alle piante, sai, non mordono... What a Face
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.salvatorecaiazzo.net
Marco
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 279
Età : 29
Location : Casalecchio di Reno
Data d'iscrizione : 14.02.09

MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Ven Giu 22, 2012 3:20 pm

E che ne sai, magari mi beccavo qualche pianta carnivora! Dai, raccoglierò il coraggio a 4 mani e lo farò
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Elisabetta
Naturalista capo
Naturalista capo
avatar

Numero di messaggi : 523
Età : 28
Location : di nascita:Verona...nel cuore: San Donato di Lamon(Terra dei fagioli)
Data d'iscrizione : 29.01.09

MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Lun Set 24, 2012 6:49 pm

Beh Marcolino, le tue foto mi hanno incuriosito... una "gita" un po' meno sassologica, me la farei volentieri!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Marco
Naturalista fiorente
Naturalista fiorente
avatar

Numero di messaggi : 279
Età : 29
Location : Casalecchio di Reno
Data d'iscrizione : 14.02.09

MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   Gio Set 27, 2012 8:32 pm

Eccomi a riprendere il racconto dove l'avevo lasciato in sospeso. Qui di seguito vedrete un po' di foto che non hanno uno sfondo naturalistico, ma storico: per tua fortuna Bettolina se ci tornerai insieme a me non vedrai solo sassi ma anche reperti storici molto interessanti. Eccovi due foto dell'esterno del sacrario militare ai caduti della I GM, che lassù ha avuto uno dei suoi fronti più caldi.





Poichè la storia la concepisco come storia dell'essere umano e la geologia-paleontologia come storia della Terra, entrambe sono la mia passione e le affronto colla stessa curiosità e lo stesso approccio metodologico. Qui qualche dettaglio dell'interno del museo della I GM giù in paese:

Una vasta gamma di bombe a mano in uso all'epoca:


Baionette:


Uniformi:


Mitragliatrice e tagliola da uomo:


Triboli (da cui il verbo tribolare = fare fatica), nascosti nell'erba dei campi di battaglia dall'Età Classica fino alla II GM per atterrare la cavalleria e mettere in seria difficoltà la fanteria; questo avveniva specialmente ai fianchi dello schieramento per impedire gli accerchiamenti se la cavalleria nemica era più numerosa oppure per tendere imboscate sul fondo valle; naturalmente le scarpe con suola di metallo per i fanti erano scomparse alla fine del Medioevo e i triboli sono ritornati molto più letali, specie se combinati alle mitraglie delle trincee verso cui si ordinavano le cariche:


Uno stralcio di vita da trincea, con cucina da campo e razione giornaliera per soldato. Visti i tempi e il dispiego di risorse e uomini per una guerra così vasta, non è facile moltiplicare questi numeri per i 3-400.000 uomini del fronte italiano per i 365 giorni per 4 anni di guerra (a calcolatrice fa 1.314.000 tonnellate di viveri), ma è facile rendersi conto di quanto sia dissanguante una guerra non solo per i militari ma anche, e forse più, per i civili che devono mantenere in piedi un'economia di guerra:


Un momento che fin troppi uomini hanno dovuto affrontare:
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza   

Tornare in alto Andare in basso
 
Escurcarnia 2 - Perchè non avevo ancora calpestato foraggio a sufficienza
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Perchè si lamenta??
» Perchè pretendere il pedigree?
» AIUTATEMI, VI PREGO!! perchè si blocca il meccanismo che guida l' ago? :-(
» Perchè si rompe continuamente il filo?
» Si struscia nelle cacchette molli altrui!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Naturalmente :: Ambienti :: Montagna-
Andare verso: